...diritto e non solo

Get Adobe Flash player

Rotary - Legalità - Aula Consiliare Battipaglia 3.11.2006

 

Venerdì 3 Novembre nell’aula consiliare del Palazzo Municipale di battipaglia si è tenuto il convegno “Giovani e legalità: né con lo Stato, né con la criminalità”. L’incontro è stato organizzato dal Rotaract di Battipaglia e dal centro Studi Teodora, hanno partecipato una delegazione scelta di alunni delle scuole medie superiori tra cui: il Liceo classico di Salerno, il Liceo Scientifico, il liceo Linguistico e l’Istituto Tecnico di Battipaglia. Tra gli intervenuti per i saluti il dott. Paolo mellone, presidente del Rotary club di Battipaglia che ha illustrato le attività di solidarietà che patrocina l’associazione, ormai da anni radicata nel territorio battipagliese, il dott. Cassese preside dal Liceo tasso di Salerno, il dott. Onnembo preside del Liceo scientifico di Battipaglia, i professori ...

Ha aperto la sessione il presidente del Rotaract club di Battipaglia: avv. Luigi Santopietro, che ha illustrato i fini e le attività dell’associazione che comprende la sezione giovanile (dai 18 ai 30 anni).

L’ospite che ha caratterizzato l’incontro è stata Alessandra Focà rappresentante del distretto 2100 del Rotaract che ha portato l’esperienza calabrese e lanciato un concorso sulla legalità avente ad oggetto un elaborato realizzato sotto qualsiasi forma (dalle fotografie, disegno, poesia ecc).

Il tema è stato introdotto dalla proiezione di un cortometraggio prodotto dal Centro Studi teodora “E tu da che parte stai?” che racconta la storia di alcuni ragazzi di una scuola media superiore saccheggiata e danneggiata da alcuni compagni di scuola e dell’omertà che in un primo momento ha fatto sì che questi non fossero denunciati, fino a che il protagonista della storia non ha acquisito coscienza che il danno prodotto alla scuola era un danno recato ad singolo e che tutti erano stati privati di un bene fondamentale: la libertà. Libertà che si concretizza nella possibilità di fare qualcosa che altri ti impediscono. Il tema è stato affrontato con chiarezza dal dott. Bruno de Filippis che ha chiarito la provocazione del titolo del convegno sottolineando come l’attuazione della legalità sia un compito personale da cui nessuno può essere ritenuto esente. Il magistrato ha ricordato l’ansia, anzi la paura,  che lo ha accompagnato quando ha intrapreso la sua professione (era il periodo degli attacchi delle BR allo Stato e furono contemporaneamente uccisi tre magistrati: a Roma, Milano e Salerno e proprio con quest’ultimo lavorava a quel tempo De Filippis) che non lo ha dissuaso dall’andare avanti con determinazione. Opportuni e pregnanti anche gli interventi dei presidi e dei professori presenti che hanno partecipato al dibattito portando le proprie esperienze di operatori dell’educazione alla legalità. La dott.ssa Mariateresa Capone – referente per le scuole per il progetto sulla legalità – ha portato l’attenzione sul fenomeno del bullismo e della gravità della sua sottovalutazione. Il bullismo, degenerazione dell’attività di comunicazione in cui uno o più esercitano prevaricazione su un soggetto, lascia effetti e conseguenze profonde in chi esercita ed in chi subisce. L’appello è di osservare e reprimere prontamente. L’avv. Laura Landi ha dato la propria interpretazione del titolo della discussione: non stare dalla parte dello Stato, oltre che ovviamente dalla parte della delinquenza, va inteso come non delegare le proprie responsabilità ad un terzo, lo Stato, quasi a voler declinare i propri compiti  aspettando che siano gli altri a fare.

La discussione è stata vivace ed i ragazzi interessati.

RSS
3 novembre 2006 rotary
Download
3 novembre 2006 rotary
Download
 
 
Powered by Phoca Gallery

Cerca nel sito

Ultime notizie in

News di Giurisprudenza

  • Maltrattamenti: anche se non subiti direttamente

    Posto che costituiscono maltrattamenti dei minori non solo le violenze poste in essere direttamen...

  • Conflittualità di coppia che pone in pericolo l'equilibrio dei figli

    In tema di separazione personale e affidamento della prole, la regola prioritaria dell'affidament...

  • Non c'è violazione dell'art. 388 cp se c'è motivo plausibile

    Il dolo, richiesto per la configurabilità del delitto di mancata esecuzione di un provvedimento d...

  • L'interesse del minore prevale anche sui reati

    È costituzionalmente illegittimo, per violazione del principio di ragionevolezza, l'art. 569 c.p....

  • Cass pen, sez I, 12.9.2011 n. 33770

    Malttrattamento a minori, si nega l'affidamento ai servizi sociali alla donna "di successo" che m...

  • Cass civ, sez I, 12.9.2011, n. 18620/11

     Ai fini della richiesta di modifica dell'assegno, la valutazione del giudice cade solo sulle ocn...

  • Cass civ, sez I, 12.9.2011, n 18618/11

    Ai fini dell'addebito non rileva la relazione extra coniugale precedente alla riconciliazione

    ...
  • Cass pen, sez VI, 15.9.2011 n 34111/11

    Non si deve provare lo stato di necessità dei figli affinchè il padre sia condannato per omessa a...

  • Cass civ, sez I, 16.9.2011 n. 18992/11

    L'assegnazione della casa coniugale è strettamente legata all'interesse dei figli. [Nel caso de q...

  • Cass civ, sez I, 26.9.2011 n. 19594/11

    Nell'interesse del minore sono giustificate le limitazioni della frequentazione paterna (es: escl...

  • Cass civ, sez I, 29.9.2011 n. 35513/11

    Condannata la madre che ha indotto la figlia a chiudere i rapporti con il padre.

    ...
  • Cass civ, sez I, 30.9.2011 n. 20064/11

    Rigettata la richiesta di revisione dell'assegno di mantenimento quando emerge che il peggiorment...

  • Cass civ, sez I, 5.10.11 n. 20365

    Anche se l'affido condiviso è regola, prevale sempre l'interesse specifico del minore.

    ...
  • Non mantenere i figli è un reato

    Sanzionato il mancato adempimento degli obblighi economici al mantenimento dei figli

  • La casa al nonno o al nipote?

    Si ripropone la comparazione d'interessi che ha ad oggetto il diritto del nonno comodante, a riot...

  • Troppo Amore è un reato!

    Confernata la condanna ad un anno e quattro mesi di reclusione per la mamma ed il nonno...

  • Interesse minore

    L'interesse del Minore è minore rispetto a quello del coniuge disabile.

  • Curatore speciale del minore

    Nel rispetto ...

  • Autorizzazione al passaporto

     

     

    L'autorizzazione al rilascio del passaporto al minore, su ric...

  • Dichiarazione di paternità

    In tema di dichiarazione giud...

  • Addebito per abbandono del tetto coniugale

    Leggi tutto

  • Diritto al nome e conflitto tra genitori

    In tema di riconoscimento del...

  • Abbandono: la malattia della madre non è causa di forza maggiore

    Leggi tutto

  • Adozione: ultima spiaggia.

    Il rimedio dell'adozione ha c...

  • Il padre non può imporre nuova fede ai figli

    Un signore dopo la separazione abbraccia una nuova fede, e per entusiasmo e nuovo fervore vuole c...

  • Condannata la madre che si trasferisce

    "il figlio l'ho fatto io e me lo porto dove voglio". Questo è il pensiero che regola spesso le sc...

  • Stile e tenore di vita: mantenimento dovuto anche in matrimonio breve

    Se il marito è ricchissimo, e dunque il tenore di vita potenziale è alto, anche in caso di matrim...

Ultimo evento

Giornata internazionale dei Diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza
Image Detail

Newsletter

Iscriviti

Iscriviti al nostro servizio mailing list per la categoria: